Il Sasso di Simone, il sasso da cui si vedere il mare! La leggenda narra che nelle giornate in cui il cielo è terso dal Sasso di Simone è possibile vedere il mare. Infatti, le due imponenti rocciosità che dominano il territorio di Sestino, offro l’opportunità di raggiungere con lo sguardo il mare Adriatico.

Il Sasso di Simone non è da solo, il suo simile, Simoncello è perfino più importante in altezza (1200 m slm). Questi due enormi blocchi di origine calcarea, sono pieni di fossili e poggiano la base in coltri di argille colorate erosi da affascinanti calanchi.

In questa Riserva Naturale, natura e cultura si fondono. Il Sasso deve infatti il suo nome forse ad un eremita o più probabilmente ad un antico culto dedicato al dio Semo. Inoltre, passeggiando non è inusuale vedere spuntare tra la vegetazione i resti della Città del Sole, la città fortificata ambizioso progetto voluto da Cosimo de’ Medici. Tutt’intorno ai due calcari, ci sono le praterie. Distese dai colori cangianti, che indicano in maniera esatta e ineluttabile il susseguirsi delle stagioni. Dalla primavera fino all’autunno diventano pascolo del bovino toscano per eccellenza: la Chianina.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *